1
OGGI: 20/11/2017 21:51:40 CAPRI TELEVISION TELECAPRI TELECAPRINEWS CAPRI TV FIERACITTA'
1
cs
CANALE 87
DEL DIGITALE TERRESTRE
  Capri Watch
  CALCIO  
  ALTRI  
RUBRICA: Calcio-Napoli
Bookmark and Share Condividi la notizia
Gentili, Sollazzo, Campopiano, Pacchioni, Jacomuzzi, Orsi, Marolda, Petras, Santos, Campoccia, Buscaglia, Iori e Onofri a Radio Crc
4 05/07/2017 - A Radio Crc è intervenuto Bruno Gentili, giornalista: “Capisco Sarri che basa il suo calcio su schemi collaudati, ma mi aspetto delle novità anche per ciò che concerne il modulo. C’è da capire come agirà il Napoli in sede di campagna acquisti perché finora ha solo confermato i migliori. Mi sarei dato da fare per arrivare ad un sostituto di Jorginho perché Diawara è all’altezza, ma non può avere il bastone del comando. Ci vuole a centrocampo un giocatore maturo, duttile e che abbia personalità ed esperienza. Mi piacerebbe Matuidi che tra l’altro vuole andare via, ma poi c’è da fare i conti con Raiola che è il suo agente. Al Napoli manca qualche alternativa, ha bisogno di rinforzarsi perchè non si possono giocare 3 competizioni con 14 giocatori e spendere qualcosa non sarebbe un’idea malvagia se vuoi competere ad alti livelli. Se invece si punta solo alla Champions, questa squadra è sufficiente”.

Boris Sollazzo, giornalista: “Ha ragione De Laurentiis quando dice che il Napoli è a posto così, ma solo numericamente perché anche la Juventus era pronta anche prima che arrivassero Pirlo e Dani Alves. Il punto è che per vincere serve qualcosa in più del necessario e che porti dove non sei stato fino a quel momento, serve qualcosa che faccia vincere le partite sporche. Serve la pennellata, quel giocatore che farà meno partite dei titolari, ma che può essere determinante. Il Napoli potrebbe puntare anche allo scudetto, ma dipende da cosa faranno le altre e c’è la Juventus che intanto invecchia mentre la Roma, ad oggi, si è indebolita. Mi auguro che Ghoulam rinnovi e che Mario Rui vada a sostituire Strinic anche perché non sarebbe e più una sostituzione, ma il rafforzamento del reparto, senza togliere nulla, ma anzi aggiungendo qualità”.

Pasquale Campopiano, giornalista: “Il rinnovo di Ghoulam è sempre più vicino: l’ingaggio dovrebbe essere quello dei calciatori importanti e quindi superiore ai 2 milioni e probabilmente si sta scrivendo la parola fine a questa telenovela. Sarri avrà il suo terzino e probabilmente anche il suo rincalzo perché si avvicina sempre di più anche Mario Rui in quanto la distanza tra Napoli e Roma è minima. Nelle prossime ore il Napoli chiuderà l’intera fascia sinistra col rinnovo di Ghoulam e l’arrivo di Mario Rui".

Paolo Pacchioni, giornalista: “Con la sconfitta di Cardifff la Juventus ha deciso di voltare pagina. Ovviamente la struttura di base c’è, ma questi uomini hanno vinto tanto e dopo la finale di Champions fallita, l’ambiente ha bisogno di una scossa. Se c’è una cosa che le squadre vincenti non devono fare, è sedersi sulle vittorie e la Juve sta provando a cambiare. Nella prossima stagione diverse squadre avranno bisogno di un po' di rodaggio, tranne il Napoli che partirà in vantaggio e per questo dovrà puntare allo scudetto. La Juve sarà ancora contentata sulla Champions, la Roma dovranno ripartire con qualche uomo in meno mentre le milanesi partono in ritardo e guardando tutto, il Napoli potrebbe essere in pole”.

Carlo Jacomuzzi, osservatore dell’Everton: “Mario Rui è un buon giocatore e servirà certamente al Napoli che disputerà tre competizioni. Se il Napoli manterrà lo stato del suo fico così alto, sarà un’insidia grossa per tutti. Meret ha fatto molto bene, è il più forte e gli addetti al mercato conoscevano il suo valore e non dobbiamo aspettare di vederlo giocare in Champions per capire se è bravo o meno. I giovani hanno bisogno di giocare, dobbiamo dargli fiducia. Non ci sono sviluppi sulla trattativa tra Everton e Zapata anche perché credo che oggi l’Everton chiuda per Giroud".

Nando Orsi, allenatore: “Meret si può rivelare anche un grande acquisto, ma non mi sembra un crack come Donnarumma. Meret è un rischio non calcolato perché l’equazione spendo tanto mi rende tanto non vale sempre e 20 milioni sono troppi per Meret che credo resterà alla Spal a giocare la serie A. Il Napoli quest’anno non deve sbagliare nulla e per questo che Reina dovrebbe restare: Sarri vuole lo spagnolo ed è giusto che resti. E’ giusto fare una preparazione adeguata e magari anche rinunciare ai soldi che potrebbero arrivare dalle torunée”.

Ciccio Marolda, giornalista: “Meret è un giovane interessante e chi avrà il coraggio di prenderlo, dovrà farlo giocare. Prenderlo, tenerlo in panchina per un anno e farlo giocare solo nella successiva stagione non credo sia un affare per il ragazzo e per chi lo prenderà. Mi sembra che il Napoli abbia lo spirito della fine della scorsa stagione e che quindi voglia ricomunicare dove ha terminato. Magari fosse così, ma il fatto che i calciatore si siano ridotti le vacanze per iniziare tutti insieme è di buon auspicio”.

Martin Petras, membro dell’entourage di Hamsik: “Hamsik resta? Domanda scontata. Ho visto il murales, è bellissimo. Sembra una foto perché è perfetto, è un murales davvero reale. Il sacrificio di rinunciare a qualche giorno di vacanza lo hanno fatto tutti i calciatori volentieri. Tutto il Napoli pensa che questo può essere l’anno dello scudetto ed è per questo che i calciatori faranno di tutto per raggiungerlo. Non so se manca qualcosa al Napoli, è sempre il campo a dire se mancherà o meno qualcosa. Però, tutti i ruoli sono raddoppiati, forse l’unico dubbio resta Reina, ma la squadra è fatta. Tutti vogliono che Reina resti perché è importante nello spogliatoio e in campo e credo che alla fine si troverà un accordo per continuare insieme. Dipenderà sempre dalla società, non sono i calciatori a dire se uno deve restare o meno. La società sente che l’ambiente vuole che Reina resti, ma a decidere il meglio è sempre il club. Seguo il calciomercato delle squadre italiane, il Milan su tutte si sta rinforzando. La Roma ha veduto alcuni giocatori importanti, qualcuno però sta arrivando ed altri arriveranno. In corsa immagino ci saranno le solite, ma il Napoli ha il vantaggio di conoscersi perché la base è rimasta intatta e bisogna solo continuare nel percorso degli anni scorsi. Skriniar lo conosco bene, l’ho seguito ed è un giocatore importante. Quando è arrivato in Italia non giocava, ma le sue qualità sono venute fuori e dimostrerà il suo valore. Uno slovacco da portare in Italia? Denis Vavro. E’ un difensore centrale che tra l’altro giocava con Skriniar ed è in uscita. Ci sono due o tre squadre italiane interessate a lui. Bigon lo seguì quando era al Napoli, poi non si fece nulla, ma adesso è maturato e il campionato slovacco è diventato piccolo per lui. In questo momento il Napoli non è interessato a Vavro".

Joao Santos, procuratore di Jorginho: “Jorginho sta bene a Napoli, è ovvio che alcuni direttori sportivi si interessino a lui, ma il mio assistito ha in testa solo il Napoli per quest’anno e il suo obiettivo è fare meglio dell’anno scorso. Arsenal? Non mi ha contattato nessuno, ma è ovvio che più tempo passa, più è difficile che il calciatore si muova. Clausola? No, non c’è alcuna clausola rescissoria nel contratto di Jorginho. Se arriva un club con tanti soldi e De Laurentiis è interessato alla cifra offerta, lo venderà. Leandrinho non so se andrà al Parma, il direttore sportivo del club non mi ha detto nulla. Parma sarebbe una buon destinazione”. Vice presidente dell’Udinese Stefano Campoccia: “Meret? Piace tanto al Napoli, ma piace tanto anche a noi. Karnezis ha sempre lavorato molto bene, è un ragazzo serio e devo dire che l’Udinese in porta primeggia rispetto agli altri. E’ il dottor Gino che si occupa delle trattative, De Laurentiis è molto attento per cui avrà avuto plurimi contatti anche perché parliamo di due società che si vogliono bene ed hanno concluso diverse operazioni. Il Napoli si rivolge sempre ai giovani dell’Udinese per elevare il proprio livello tecnico. Meret comprato dal Napoli e girato in prestito alla Spal? E’ già complicato mettere d’accordo due società, figuriamoci tre. Widmer? Probabilmente nelle prossime settimane ci sarà più adrenalina. Ci saranno una raffica di riunioni in Lega per cui incontreremo spesso il Napoli”.

Riky Buscaglia, giornalista: “La squadra più vicina alla Juventus è il Napoli e non la Roma, a dispetto di ciò che dice la classifica dello scorso anno. Quello che manca per provare a colmare il gap con i bianconeri è un portiere e magari anche un difensore centrale. Meret mi piace, sarà il futuro della Nazionale insieme a Donnarumma. Chi cambia poco ha sempre dei vantaggi rispetto a chi mette novità nell’organico, allenatore compreso. E’ difficile fare dei bilanci adesso perché il mercato è aperto, ma allo stato attuale Napoli e Juventus hanno qualcosa in più”.

Alessandro Iori, giornalista: “Il Napoli ha già un portiere affidabile e può permettersi di prendere un giovane da far crescere alle spalle di Reina. Meret è bravo, ma in serie A è tutto da testare. L’aspetto tecnico, invece, vorrebbe un portiere già pronto che possa portare punti, più di quelli portati da Reina che lo scorsa stagione oltre alle parate famose contro la Roma, non ha fatto granché. E’ difficile reperire un portiere in grado di far fare un salto di qualità importante al Napoli e credo che neppure Geronimo Rulli possa farlo. Andrei a prendere un portiere che ha già giocato la serie A, ma è chiaro che la valutazione di prospettiva spetta agli uomini di De Laurentiis. Meret sarà un portiere di altissimo livello, ma non so se sia già pronto”.

Claudio Onofri, allenatore: “Come spesso accade, la campagna acquisti del Napoli è di prospettiva ed è giusto che sia così, ma il club sta rinforzando il reparto più forte della squadra. La questione Reina è molto complicata. Ho sempre avuto una passione smisurata per la persona e per il portiere spagnolo perché mi ha sempre dato l’impressione di essere uno efficace nello spogliatoio e non è semplice sostituirlo. Prendere un altro portiere bravo può essere positivo perché il Napoli avrebbe in casa il futuro numero 1, ma può anche risultare negativo creare tanta concorrenza. Parlavo poco fa con Gasperini di Spinazzola che probabilmente resterà all’Atalanta. Ha disputato un campionato strepitoso, mi piace tantissimo, ma se andasse alla Juventus a sostituire Alex Sandro, il club bianconero perderebbe qualcosa”.

 


Se ti piace il nostro sito e vuoi far parte della nostra grande comunità su Facebook
clicca sul pulsante sottostante 'Mi piace'


 

Notizie correlate
20/11/2017 - NAPOLI, CALLEJON: “VINCERE LO SCUDETTO SAREBBE UN PICCOLO MIRACOLO”

20/11/2017 - SHAKHTAR AL SAN PAOLO, VENDITE FIACCHE PER LA CHAMPIONS'

20/11/2017 - CANIGGIA: “VORREI GIOCARE IN QUESTO NAPOLI. MI RIVEDO IN INSIGNE”

20/11/2017 - NAPOLI, JORGINHO: “NON PENTITO DI AVER SCELTO L’ITALIA”

20/11/2017 - CHAMPIONS: NAPOLI-SHAKHTAR ALL’ARBITRO SKOMINA

20/11/2017 - NAPOLI, INSIGNE: “POSSIAMO FARE GRANDI COSE”

20/11/2017 - NAPOLI, SARRI: “VINCENTI, MA MENO BRILLANTI DI ALTRE VOLTE”

20/11/2017 - NAPOLI, CARICA HAMSIK: “CON LO SHAKHTAR DONETSK FARE DI TUTTO PER VINCERE”

20/11/2017 - CALCIO, NAPOLI; CANNAVARO: E' PIU' CONSAPEVOLE DEI PROPRI MEZZI

20/11/2017 - CHAMPIONS; ALLAN: DAREMO TUTTO CERCANDO LA VITTORIA

20/11/2017 - CALCIO, NAPOLI; SARRI: SERVE SCELTA DI CAMPO, RIFORMARE CALENDARI

20/11/2017 - LARDIN: "NESSUN CONTATTO COL NAPOLI PER CARICOL"

20/11/2017 - BUCCHIONI, PERILLO, COLONNESE, VAGHEGGI, SABATINI, ZARA E VENERATO A RADIO CRC

19/11/2017 - NAPOLI-MILAN 2-1, AZZURRI SEMPRE PIU' AL COMANDO

18/11/2017 - TERZINO DEL FUTURO: FRA I TANTI NOMI ANCHE MARTIN?

18/11/2017 - NAPOLI, ALBIOL: ''MILAN TOSTO MA NON POSSIAMO SBAGLIARE''

18/11/2017 - PRUDENTI, CRAVERO, BROVARONE E CONDÒ A RADIO CRC

18/11/2017 - NAPOLI, MERTENS: “QUI IL CALCIO È MALATTIA. MI ISPIRO A HIGUAIN. ITALIANI, AI MONDIALI TIFATE PER IL BELGIO”

18/11/2017 - CHAMPIONS: SHAKHTAR, KHOCHOLAVA AVVISA IL NAPOLI

18/11/2017 - NAPOLI, PRESENTATA LA QUARTA MAGLIA

18/11/2017 - MONTELLA: "ABBIAMO CARTE PER GIOCARCELA CON NAPOLI"

 
TELECAPRISPORT - VIA LI CAMPI 19 - 80073 CAPRI NA - PAGE DESIGN BY COMINVEST SRL - P. I. 04764940633 -
1