1
OGGI: 22/10/2017 06:35:36 CAPRI TELEVISION TELECAPRI TELECAPRINEWS CAPRI TV FIERACITTA'
1
cs
CANALE 87
DEL DIGITALE TERRESTRE
  Capri Watch
  CALCIO  
  ALTRI  
RUBRICA: Calcio-SerieA
Bookmark and Share Condividi la notizia
IL MAESTRO PIRLO DICE BASTA AL CALCIO GIOCATO
4 09/10/2017 - "Alla mia età ci sta di dire basta. Troppi problemi fisici. Non è che puoi andare avanti per forza fino ai 50. Farò qualcos'altro. Ma non mi è ancora scattata la scintilla per la panchina". Se ne va in punta di piedi, Andrea Pirlo, che ha annunciato il suo ritiro dal calcio giocato dalle colonne della 'Gazzetta dello Sport', anche se già da un paio d'anni il suo minutaggio con i New York City era calato vertiginosamente. Forse per questo il suo ritiro farà meno rumore di un altro addio illustre che ha segnato il 2017, quello di Francesco Totti. Ma, senza che appaia un'iperbole, Pirlo è, o meglio è stato, tra i più grandi registi italiani di sempre, come sancito per quattro volte dalle classifiche annuali della Federazione Internazionale di Storia e Statistica del Calcio, oltre a finire a più riprese nella rosa dei 23 candidati al Pallone d'Oro.

Tanto schivo e riservato in pubblico quanto scanzonato in privato (come ha rivelato la sua autobiografia "Penso quindi gioco"), il "Maestro", com'è soprannominato, ha sempre fatto parlare il campo. Ora però ha deciso di dire basta: "Rientrerò in Italia già a dicembre (quando finirà la stagione della Mls, ndr). A 38 anni è giusto dare spazio ai ragazzi. Ti rendi conto da solo che è arrivato il momento. Ogni giorno hai problemi fisici, non riesci più ad allenarti come vorresti perché hai sempre qualche acciacco".

In carriera ha vinto tutto, risultando insostituibile sia con i suoi club che con la Nazionale: sei scudetti, due Coppe Italia, due Champions League (con il Milan, oltre alla finale di Berlino persa dalla Juventus contro il Barcellona) e naturalmente l'indimencatibile Mondiale del 2006 in Germania, un secondo posto con la Nazionale di Prandelli agli Europei del 2012 in Polonia e Ucraina, un bronzo olimpico (Atene 2004) e un Europeo Under 21 insieme a Christian Abbiati e Gennaro Gattuso (Slovacchia 2000, il ct era Marco Tardelli) risultando il miglior giocatore e il capocannoniere del torneo grazie a due rigori e, neanche a dirlo, la punizione decisiva nella finale contro la Repubblica Ceca. Già, perchè oltre che della regia Pirlo è stato un maestro delle punizioni, inventando un modo di calciare tutto suo - la "maledetta" - mutuato dalle punizioni con "le tre dita" di Roberto Carlos: ancora oggi è tra i più prolifici finalizzatori su calcio piazzato della storia della Serie A insieme a specialisti del calibro di Mihajlovic, Pjanic, Totti e Del Piero.

Talento incompreso all'Inter, il Pirlo regista, dopo aver regalato i primi lampi di classe da trequartista nella Reggina di Franco Colomba, nasce a Brescia nel 2001 con Carletto Mazzone, che lo arretra a centrocampo. Un'intuizione felice poi confermata da un altro Carlo, Ancelotti, nel Milan capace di trionfare per due volte nell'Europa che conta. In rossonero resta un decennio prima di andare via (clamorosamente) gratis nel 2011 alla Juventus, dove contribuirà - insieme al condottiero in panchina Antonio Conte e ai reduci dalla Serie B post-Calciopoli - alla rinascita bianconera, gettando le basi di una tirannia che soltanto quest'anno il Napoli sembra poter intaccare. In mezzo, a coronamento di una carriera invidiabile, il capolavoro in terra tedesca nel 2006, dove gioca una Coppa del Mondo da dominatore: il gol che sblocca il match inaugurale col Ghana, l'assist "no look" a Grosso nell'epica semifinale con i padroni di casa e uno dei rigori della trionfale lotteria dal dischetto nella finalissima con la Francia.

E adesso cosa farà? "Non lo so ancora - ha detto alla 'Rosea' -. Il vice di Conte? Se ne dicono di cose. Ho delle idee, ma mi concedo tempo per decidere". Tanti suoi ex compagni hanno scelto la panchina: Nesta, Gattuso, Inzaghi, Shevchenko... "...E Grosso, Cannavaro, Zambrotta, Brocchi, Oddo. Ormai tutti. Se penso ad allenare? Non è detto che siccome sei stato un buon giocatore puoi farlo. Devi essere predisposto e avere la prova del campo. Deve scattarti la scintilla. A me non è ancora scattata. Per ora non ho intenzione di allenare. Dopo 25 anni di calcio starò a casa con la famiglia".

 


Se ti piace il nostro sito e vuoi far parte della nostra grande comunità su Facebook
clicca sul pulsante sottostante 'Mi piace'


 

Notizie correlate
21/10/2017 - DA IMMOBILE A ICARDI, LA SERIE A GIOSTRA DEL GOL

21/10/2017 - PALERMO: MICCOLI CONDANNATO A 3 ANNI E SEI MESI PER ESTORSIONE AGGRAVATA

21/10/2017 - GENOA, PREZIOSI FRENA: “CESSIONE SOCIETÀ? NON C’È NIENTE DI CONCRETO”

21/10/2017 - LAZIO, ACCORDO CON IMMOBILE: CONTRATTO A VITA

21/10/2017 - BENEVENTO, BARONI: “CICIRETTI PUÒ RECUPERARE PER LA FIORENTINA”

21/10/2017 - CASSANO: “SOLO ALL’INTER SONO STATO FELICE DI ANDARE. JUVENTUS? HO DETTO NO TRE VOLTE”

21/10/2017 - SERIE A, PARTITE IN STREAMING A MENO DI 2 EURO

21/10/2017 - DIRITTI TV: LOTTI, NOVITÀ NELLA MANOVRA

20/10/2017 - CONTE CONTRO MOURINHO: "LASCI STARE IL CHELSEA, PENSI AL SUO UNITED"

19/10/2017 - CALCIO: MONTELLA: “TROPPE SCONFITTE, MA STO TROVANDO L’ABITO”

19/10/2017 - CHIELLINI PROMUOVE BUFFON: “MERITA IL PREMIO FIFA”

19/10/2017 - BETTER, IN APERTURA RASTELLI 'PRIMO ALLENATORE ESONERATO' ERA 20 VOLTE POSTA

19/10/2017 - CALCIO, BENEVENTO: CONTESTATO IL DIRETTORE SPORTIVO DI SOMMA

19/10/2017 - SERIE A: ANDREA BELOTTI SCALPITA PER TORNARE IN CAMPO

19/10/2017 - LOPEZ NUOVO ALLENATORE DEL CAGLIARI: FIRMATO BIENNALE

18/10/2017 - ROMA: STOP DI 3-4 SETTIMANE PER MANOLAS

18/10/2017 - SERIE A, COMMISSARIAMENTO LEGA PROLUNGATO ALL’11 DICEMBRE

18/10/2017 - BALOTELLI, SU INSTAGRAM LA PRIMA FOTO CON IL FIGLIO LION

18/10/2017 - NAPOLI, MERTENS E DIAWARA: “NON SIAMO INFERIORI AL CITY”

18/10/2017 - SERIE A, UN SOLO SQUALIFICATO

18/10/2017 - SERIE A: SAMPDORIA-ROMA RECUPERATA IL 13 DICEMBRE O 24 GENNAIO

 
TELECAPRISPORT - VIA LI CAMPI 19 - 80073 CAPRI NA - PAGE DESIGN BY COMINVEST SRL - P. I. 04764940633 -
1