1
OGGI: 23/11/2017 02:56:55 CAPRI TELEVISION TELECAPRI TELECAPRINEWS CAPRI TV FIERACITTA'
1
cs
CANALE 87
DEL DIGITALE TERRESTRE
  Capri Watch
  CALCIO  
  ALTRI  
RUBRICA: Calcio-SerieA
Bookmark and Share Condividi la notizia
ANCELOTTI CANCELLA BAYERN "ASPETTO NUOVA CHANCE"
4 31/10/2017 - Quell'esonero ancora non lo ha mandato giù "ma acqua passata non macina più, per me è giusto guardare avanti e prendermi tempo per guardare il calcio da spettatore, con interesse e cercare un'altra opportunità in futuro, non adesso". Carlo Ancelotti, ospite di "Radio Anch'io Sport" su RadioUno, non ha fretta di rimettersi al lavoro ma di sicuro ha ancora voglia di sedersi in panchina, anche per cancellare l'ultima esperienza al Bayern Monaco dove un mese fa gli è stato dato il benservito. "Forse la società non credeva più nel lavoro che facevo e hanno deciso di cambiare - racconta il tecnico di Reggiolo - Ma sono 20 anni che faccio questo mestiere e sono entrato nell'ordine delle idee che fa parte del gioco, le grandi società sono legate ai risultati e quando i risultati tentennano un po'... A dire il vero, però, nel mio caso i risultati c'erano nonostante qualche difficoltà, forse c'era mancanza di fiducia nella conduzione della squadra. Ma sono state dette tante cose in questo mese".

E allora meglio non pensarci più, godersi un po' di riposo e ripartire dalla prossima stagione. "Vorrei avere un'opportunità per creare un progetto e lavorare con serenità anche se il nostro è un mestiere che non ti dà serenità e tranquillità ma è normale, basta un risultato sbagliato che la pressione aumenta. Ma con serenità aspetto, non ho fretta". Ancelotti non esprime preferenze. "La Premier sotto certi aspetti è interessante, c'è una bella atmosfera negli stadi ma anche in Germania siamo avanti sotto questo punto di vista. Non ho idea di quale possa essere la soluzione migliore. Io mi vedo bene su ogni panchina. A me piace il calcio, mi piace allenare e finchè ho questa passione, qualsiasi panchina va bene". Si è parlato della Croazia "ma ogni giorno ne salta fuori una, prima si parla del Chelsea e il mio amico Antonio (Conte, ndr), con cui parlo spesso, si arrabbia, poi la Cina, l'Everton. Aspetto il 30 giugno e vediamo che opportunità ci sono".

L'ipotesi americana non sembra affascinarlo ("un conto è la nazionale, un altro conto la Lega che non prevede retrocessioni per cui le motivazioni dei giocatori non sono di altissimo livello e se non c'è motivazione non c'è grande interesse"), di sicuro, dove andrà, non imporrà rivoluzioni. "Quando arrivi in una società la squadra è fatta, ci sono dei giocatori, si cercano degli aggiustamenti e poi l'allenatore ci mette del suo, è quello che ho sempre fatto e continuerò a fare". Chissà che Ancelotti magari non torni in Italia anche se per il momento si limita a fare lo spettatore. "La Juve è tornata? Ma quando è andata via? La Juve è sempre lì, sul pezzo, anche se il Napoli ha trovato più continuità e Sarri è molto bravo. Ha trovato anche una struttura societaria che gli ha dato la possibilità di lavorare per 2-3 anni per costruire qualcosa di livello.

Il Napoli gioca bene a calcio e c'è la bravura di Sarri combinata a un appoggio costante della società e del suo presidente". Ma Ancelotti trova tutto "il campionato italiano molto competitivo e molto interessante. C'è anche l'Inter che ha il vantaggio di non giocare le coppe per cui Spalletti ha la possibilità di lavorare tutta la settimana per trasmettere le sue idee. La Lazio sta facendo un campionato straordinario, c'è la Roma, il Milan purtroppo è un po' dietro ma è legato al fatto che ha cambiato molto. Nel calcio non ci sono maghi con la bacchetta magica, ci vuole pazienza, trovare giocatori idonei al progetto". Per Ancelotti "il Milan ha fatto una campagna acquisti che tutti hanno definito straordinaria, ma non bastano sei mesi o una campagna acquisti per fare una squadra, occorre tempo, perseverare negli investimenti e nel lavoro. Il quarto posto è molto importante ma è ancora più importante non abbattersi quando le cose non vanno bene". E anche se "il calcio riserva sempre sorprese, non c'è una partita scontata, vedi il Real a Girona", per il tecnico di Reggiolo una serie A a 18 squadre "o anche a 16 è la strada da percorrere. Si gioca sempre di più per avere sempre più introiti ma questo limita la qualità del gioco e se scade la qualità, scade anche l'interesse. Si deve arrivare a giocare meno partite ma con più qualità". Per fortuna c'è la Var ("è arrivata troppo tardi, doveva arrivare prima, solo un folle può pensare che non serve"), che Infantino vuole anche ai Mondiali dove però l'Italia rischia di non esserci. "Giocare uno spareggio è sempre un rischio ma vale anche per la Svezia - sottolinea Ancelotti - In queste partite conta la storia, la tradizione e sotto questo punto di vista l'Italia è avvantaggiata".

 


Se ti piace il nostro sito e vuoi far parte della nostra grande comunità su Facebook
clicca sul pulsante sottostante 'Mi piace'


 

Notizie correlate
22/11/2017 - CALCIO, GIUDICE SPORTIVO; SERIE A: DUE TURNI A RADOVANOVIC

22/11/2017 - MILAN, UEFA CHIEDE APPROFONDIMENTI

22/11/2017 - BENEVENTO, VIGORITO: “COMPRENDO LA DELUSIONE DEI TIFOSI, CONTINUEREMO A COMBATTERE”

22/11/2017 - BERLUSCONI: “NON BASTANO SOLO GLI ADDII DI TAVECCHIO E VENTURA. ERRORE PRENDERSELA CON GLI STRANIERI”

22/11/2017 - "MI HA MOLESTATA", ACCUSE A TAVECCHIO

22/11/2017 - LEGA SERIE A: ASSEMBLEA DEL 27/11 DIVENTA ELETTIVA

22/11/2017 - SERIE A: L'UDINESE ESONERA DELNERI, AL SUO POSTO ODDO

22/11/2017 - DYBALA SPAVENTA LA JUVE "NON SO SE RESTERO' A VITA"

22/11/2017 - COSIMO SIBILIA: “TAVECCHIO RESTA IN CARICA PER L’ORDINARIA AMMINISTRAZIONE. NON CI SONO LE CONDIZIONI PER COMMISSARIARE LA FEDERAZIONE”

21/11/2017 - CARRARO: "RINNOVAMENTO CLASSE DIRIGENTE"

21/11/2017 - SERIE A: VERONA ANCORA KO, BATTUTO IN CASA 3-2 DAL BOLOGNA

21/11/2017 - TAVECCHIO SI DIMETTE, FIGC VERSO COMMISSARIAMENTO

21/11/2017 - STATI GENERALI DELLO SPORT, LOTTI: “SIAMO PRONTI A LEGIFERARE”

21/11/2017 - UDINESE: GIGI DEL NERI VERSO L’ESONERO, PRONTO ODDO

21/11/2017 - NAZIONALE, ABETE: “NO A COMMISSARIO, ANCELOTTI AMATO DA TUTTI”

21/11/2017 - MONTELLA, NEL 2016 PARLAI CON LIPPI

21/11/2017 - CONI: OLTRE METÀ INCHIESTE È SUL CALCIO

21/11/2017 - MALAGÒ: “IO COMMISSARIO FIGC? NON SONO DISPONIBILE”

20/11/2017 - SERIE A, CHIESA SALVA LA FIORENTINA: 1-1 CONTRO LA SPAL

20/11/2017 - CALCIO: BENEVENTO BATTE MAN UTD, E' SUO PEGGIOR INIZIO DI SEMPRE

20/11/2017 - FIGC, TAVECCHIO SI È DIMESSO (LE REAZIONI)

20/11/2017 - SERIE A: JUVENTUS KO CON LA SAMP, BENEVENTO PERDE ANCORA

20/11/2017 - SERIE A: DOPPIO ICARDI, INTER BATTE ATALANTA ED E' SECONDA

20/11/2017 - L'ADDIO DI BUFFON: "SMETTO QUEST'ANNO"

20/11/2017 - LA JUVE SBATTE IN CASA DELLA SAMP: LIGURI VINCONO 3-2 CON BRIVIDO FINALE

20/11/2017 - LA CRISI DELLA JUVE TRA BLACK OUT ED ERRORI DI MERCATO

20/11/2017 - SERIE A, BASELLI RISPONDE AD HETEMAJ: È 1-1 TRA TORO E CHIEVO

20/11/2017 - SERIE A, IL CAGLIARI PASSA A UDINE: JOAO PEDRO TRAFIGGE I FRIULANI

20/11/2017 - SERIE A, BALLARDINI RISOLLEVA GENOA: RIGONI STENDE IL CROTONE

20/11/2017 - SERIE A, IL CAGLIARI PASSA A UDINE: JOAO PEDRO TRAFIGGE I FRIULANI

20/11/2017 - RESA TAVECCHIO: CAIRO, OPPORTUNA

20/11/2017 - BENEVENTO, DE ZERBI: “RIPARTIAMO DALLA PRESTAZIONE, MA SI FA DURA”

20/11/2017 - MONTEMURRO, SIBILIA PUÒ ESSERE CANDIDATO

20/11/2017 - CALCIO, ZAPATA: FIERO DELLA SAMP, NAPOLI NON HA CREDUTO IN ME

20/11/2017 - INTER, SPALLETTI: “GARA DA SQUADRA MATURA. ICARDI CAMPIONE”

20/11/2017 - SERIE A, SASSUOLO PASSA AL 94': BENEVENTO RESTA ANCORA A QUOTA ZERO

 
TELECAPRISPORT - VIA LI CAMPI 19 - 80073 CAPRI NA - PAGE DESIGN BY COMINVEST SRL - P. I. 04764940633 -
1