1
OGGI: 21/10/2018 07:41:42 RETECAPRI TELECAPRI TELECAPRINEWS CAPRINEWS FIERACITTA'
1
cs
CANALE 87
DEL DIGITALE TERRESTRE
Capri Watch, Tennis
  CALCIO Napoli Lega Pro
  ALTRI SPORT Motori Basket Tennis Nuoto Ciclismo Altri

facebook

contatti
RUBRICA: Calcio-Napoli
CONDIVIDI LA NOTIZIA

Venerato, Varriale, Onofri, Garics, Corbo, Jacobelli, El Kaddouri e Bucci a Radio Crc
4
07/06/2018 - A Radio Crc è intervenuto Ciro Venerato, giornalista: “Poche ore fa il Napoli ha offerto 18 milioni di euro al Manchester United per Matteo Darmian. La Juve è ferma a 13 milioni, lo United invece vuole 20 milioni. Nel Napoli della prossima stagione non ci sarà Jorginho e ove mai il club azzurro non trovasse il centrocampista che piace ad Ancelotti, potrebbe prendere un terzino titolare e impiegare Diawara in quella posizione. Il guineano è seguito dal Tottenham e dal Psg ma è incedibile per Ancelotti. Kieran Trippier del Tottenham è il nuovo nome nell’agenda di Giuntoli che è gradito all’allenatore. Torreira si allontana perché non si trova un accordo con l’agente, Ruiz è difficile perché potrebbe prolungare col Betis, Badelj ha avuto un’offerta dalla Premier superiore a quella del Napoli, ma c’è un nome nuovo su cui il club azzurro lavora da mesi a fari spenti: Tanguy Ndombele dell’Olympique Lion che è il preferito del Napoli. Il Lione riscatterà dall’Amiens il calciatore a 30 milioni, ma dal Napoli vuole 60 milioni. Il Napoli sta cercando centrocampisti molto fisici perché Ancelotti pur partendo dal 4-3-3, vorrà utilizzare anche il 4-2-3-1. Jorginho? Ieri notte c’è stato un nuovo colloquio tra i direttori sportivi di Napoli e Manchester City. Il club inglese ha offerto 50 milioni cash senza bonus mentre il Napoli valuta il calciatore 70 milioni. Zinchenko, valutato 20 milioni a titolo definitivo da entrambi i club, potrebbe entrare nella trattativa: se il Napoli accetterà, prenderà 50 milioni dal City, più Zinchenko. Continuano i contatti tra il Napoli ed il papà-agente di Lunin: il club azzurro è fermo a 6 milioni mentre il club ne chiede 8. Il Psg è pronto a rinnovare il contratto di Areola, Sirigu non scalda i cuori di nessuno per cui è Leno il portiere su cui il Napoli sta lavorando. Verdi? I legali stanno studiando le clausole del contratto, ma l’operazione è fatta ed entro venerdì il Napoli vorrebbe anche la firma. Oltre alla Spal, c’è anche il Milan su Grassi”.

Enrico Varriale, giornalista: “Darmian ha bisogno di rilanciarsi perché al Manchester ha trovato poco spazio e potrebbe essere utile al Napoli su strambe le fasce, ma a prescindere dai singoli, mi pare che il club azzurro stia puntando a migliorare l’intera rosa. Verdi è utilissimo, gioca con entrambi i piedi in maniera naturale per cui si tratta di un rinforzo importante e fa piacere che il giocatore abbia fatto tacere, accettando l’offerta azzurra, tutte le voci che si erano diffuse dopo il no di gennaio. A Bologna è cresciuto molto, ma a Napoli può fare il definitivo salto di qualità”.

Claudio Onofri, allenatore: “Darmian è un destro che gioca anche a sinistra e a me piaceva quando era poco considerato per cui si tratta di un ottimo acquisto per il Napoli, non un fenomeno, ma un buon giocatore. Se il club azzurro vuole colmare il gap con la Juventus ed in Europa, un paio di calciatori di grande livello dovrà prenderli. Il portiere è un ruolo determinante e Reina non era solo un numero 1 in campo, ma dava fiducia a tutto il gruppo. Pensavo che Mattia Perin potesse raccogliere l’eredità di Reina e invece andrà a giocarsi il posto con un altro ottimo portiere nella Juventus, ma a Napoli trovava tutte le condizioni per potersi esaltare anche in termini di qualità di leadership. Ricordo quando al Genoa, giovanissimo, fece una papera contro la Fiorentina, ma non si scompose affatto e questo significa che il ragazzo ha personalità”.

György Garics: “Mi sono preso il lusso di decidere quando smettere di giocare, prima che altri decidessero per me. Verdi è un ragazzo con la testa sulle spalle e non è uno sprovveduto. Poi, il campo parla per lui e dal punto di vista umano, il no al Napoli gennaio fa capire quanto crede nei valori. Lainer è un giocatore valido, umanamente molto valido. E’ uno che sa cosa vuole e fa tutto ciò che serve per ottenerlo. E’ una macchina da guerra e riesce sempre a tifare il massimo dalle sue potenzialità. Di sicuro come alternativa è un ragazzo valido perché ha voglia di lavorare e Ancelotti di certo potrebbe insegnargli molto”.

Antonio Corbo, giornalista: “I tifosi sognano i grandi nomi, quelli conosciuti, ma se c’è un nome nuovo come lo era Zielinski, Lavezzi o lo stesso Hamsik, i tifosi pensano si tratti di seconde scelte e invece la grande società è tale se riesce a prendere calciatori non conosciuti, ma che diventano forti da domani in poi. I tifosi conoscono i giocatori che sono stati bravi fino a ieri e che forse saranno bravi anche domani, ma una buona società prende calciatori che saranno famosi domani. De Laurentiis è un imprenditore e per raccogliere i risultati si è rivolto al miglior allenatore sulla piazza. Ancelotti è un costruttore di squadra e non solo un gestore. E’ capace di cambiare in corsa, moduli e giocatori ed ha vinto ovunque: in Inghilterra, in Italia, in Spagna, in Germania e in Francia e vorrà vincere anche a Napoli. Spero che nella prossima stagione la Juve sarà l’anti Napoli”.

Xavier Jacobelli, direttore di Tutto Sport: “Il Napoli va solo rifinito: ha totalizzato 91 punti nella stagione da poco conclusa ed ha bisogno di essere ritoccata e non rifondata. Verdi è il primo rinforzo e si tratta di un calciatore duttile, si è lasciato alle spalle una buona esibizione con l’Italia, è italiano e sa calciare bene le punizioni. Una squadra dal calibro del Napoli impegnato in 3 competizioni ha bisogno di 2 grandi portieri, ma è fondamentale prima di tutto trovare un degno sostituto di Reina e non è facile. Si tratta di un’impresa ardua, ma il Napoli la coronerà. Con l’arrivo di Verdi si è rinforzato l’attacco, ma è importante chiudere l’operazione portiere per consentire ad Ancelotti di lavorare in Trentino con la rosa quanto più completa possibile. Il cammino di costruzione di una grande Nazionale come quella italiana è lunga e laboriosa anche perché Mancini è stato costretto a ripartire dall’eliminazione dei Mondiali. I 3 test sostenuti fin qui sono stati positivi perché, al di là dei risultati oggettivi, Mancini ha dimostrato di aver trasmesso al gruppo quel ritrovato senso di attaccamento alla maglia. Ha lanciato 5 azzurri e credo che da settembre quando i 3 punti diventeranno importanti, avremo la conferma di quanto giusta sia questa direzione, ma non bisogna avere fretta nel costruire una squadra che paga il ricambio generazionale”.

Omar El Kaddouri, calciatore belga naturalizzato marocchino, centrocampista del PAOK e della Nazionale marocchina: “Ho avuto degli infortuni in stagione per cui sono stato fermo un po' ed è una cosa nuova perché non mi era mai successo. Sapevo di non partecipare al Mondiale perché non rientravo più nei piani del mister. Ho seguito il Napoli, purtroppo anche quest’anno non è riuscito a vincere lo scudetto, ma con 91 punti è dura non vincere. Parliamo di un punteggio incredibile e se la Juve ne ha fa 95 complimenti alla Juve. Sarri lo ricordo sempre in maniera positiva, è un allenatore bravissimo, forse il più bravo di tutti e sa ciò che vuole. Ha un carattere speciale, ma riesce a tirare il meglio da ogni calciatore. Rispetto agli altri, Sarri ha un marchio di fabbrica, una grande voglia di fare bene, ha idee chiare, sa lavorare e poi fa giocare le sue squadre in maniera unica e riconoscibile. Hakimi l’ho visto in Nazionale, era molto giovane. E’ un ragazzo molto bravo, veloce, tecnicamente valido, ma deve lavorare in fase difensiva se arriverà i Italia. In fase di spinta è di altissimo livello, ma deve lavorare sulla tattica e sull’aspetto difensivo. Il mio futuro? Non ne ho idea. Il 20 giugno inizierò col Paok. L’Italia mi manca, ma bisogna vedere un po' tutto, quando tornerò in Grecia parlerò col mio procuratore e con la società. Non so dove andrà Balotelli, magari al Napoli. Consiglierei a tutti di vestire la maglia azzurra”.

Alberto Bucci, allenatore di pallacanestro e amico di Carlo Ancelotti: “Ancelotti è una persona speciale, c’è un rapporto bellissimo tra noi. Carlo si è innamorato della squadra, del senso di appartenenza dei tifosi che sono vicini alla squadra nei momenti belli e brutti. Ancelotti aveva voglia di rimettersi a lottare e prenderà tutto quanto di buono ha lasciato Sarri per provare ad aumentare ancor di più il valore del Napoli. Carlo mi ha detto che ha provato grande emozione e quando cuore e cervello si incontrano bisogna assecondarli. Ancelotti vivrà a Napoli città ed è giusto che sia così perché quando si scappa, la gente ti corre indietro. Se la gente si abitua ad avere un amico come Ancelotti per strada, diventa uno di loro e normale incontrarlo. Carlo è una persona normale, nei suoi pregi e nei suoi difetti e ci stupiamo della normalità perché diventa sempre più difficile trovarla. Verrò spesso a Napoli, l’ho seguito spesso nelle sue avventure perché abbiamo un rapporto umano bellissimo. Il Napoli ha bisogno di silenzio e di lavorare e lo sta facendo molto bene. In chiave mercato è attivissimo, ma lo fa in silenzio. Napoli è una città che ha bisogno di avere una squadra di pallacanestro e verrei lì a lavorare per dare a questa città una squadra importante. Florentino Perez finanziava il basket”.

 




Se ti piace il nostro sito e vuoi far parte della nostra grande comunità su Facebook
clicca sul pulsante sottostante 'Mi piace'


 


Notizie correlate
1 - CALCIO, UDINESE: MACHIS INDISPONIBILE PER IL NAPOLI

1 - CALCIO, NAPOLI: PROBLEMA MUSCOLARE, KOULIBALY SALTA UDINESE

1 - CALCIO, NAPOLI; ANCELOTTI: QUI SI STA IN PARADISO

1 - NAPOLI: KOULIBALY IN DUBBIO PER UDINE

1 - MILIK RACCONTA LA RAPINA: “NESSUNA PISTOLA PUNTATA”

1 - NAPOLI, MINI ABBONAMENTI PER SEI GARE AL SAN PAOLO

1 - AURICCHIO, NON SVENDIAMO IL SAN PAOLO

1 - NAPOLI, FABIAN RUIZ: “ANCELOTTI TRATTA TUTTI ALLO STESSO MODO”

1 - ANCELOTTI, BASTA INSULTI NEGLI STADI

1 - CALCIO, NAPOLI; CAPELLO: ANCELOTTI HA RIVOLUZIONATO TESTA GIOCATORI

1 - NAPOLI, ANCELOTTI: "HO UN BELL'AMBIENTE. I RAGAZZI SONO FORTI E UMILI"

1 - NAPOLI, VERDI: ''ANCELOTTI FA SENTIRE TUTTI IMPORTANTI''

1 - CALCIO, NAPOLI; OUNAS: ANCELOTTI TRASMETTE GRANDE FIDUCIA A TUTTI

1 - NAPOLI: INSIGNE "ORA SONO PIÙ SERENO"

1 - SASSUOLO, DE ZERBI: "BERARDI NON ERA AL TOP. MANCA UN ROSSO A DIAWARA"

1 - NAPOLI, ANCELOTTI: "NOI COMPETITIVI, NON MOLLEREMO FINO ALLA FINE"

1 - SERIE A, OUNAS-INSIGNE STENDONO SASSUOLO: NAPOLI SEMPRE SECONDO

1 - NAPOLI, CALVARIO MERET: IL RIENTRO SLITTA ANCORA

1 - NAPOLI: MILIK RAPINATO, MA NON È L'UNICO. TUTTE LE RAPINE SUBITE DAGLI AZZURRI

1 - CALCIO NAPOLI: IN CAMPIONATO SARÀ ANCORA TURN OVER


 
TELECAPRISPORT - VIA LI CAMPI 19 - 80073 CAPRI NA - PAGE DESIGN BY COMINVEST SRL - P. I. 04764940633 -
1