1
OGGI: 17/10/2018 00:54:22 RETECAPRI TELECAPRI TELECAPRINEWS CAPRINEWS FIERACITTA'
1
cs
CANALE 87
DEL DIGITALE TERRESTRE
Capri Watch, Tennis
  CALCIO Napoli Lega Pro
  ALTRI SPORT Motori Basket Tennis Nuoto Ciclismo Altri

facebook

contatti
RUBRICA: Altri
CONDIVIDI LA NOTIZIA

Olimpiadi 2026, Italia candida Milano-Cortina
4
02/10/2018 - "Il Coni ha ufficializzato che la candidatura italiana per i Giochi olimpici invernali 2026 sarà quella di Milano-Cortina". Lo ha annunciato durante la riunione di Giunta il presidente della Regione Lombardia. Si fa sentire la sindaca di Torino, Chiara Appendino: "Il Coni porti in votazione i dossier, la candidatura di Torino è ancora in campo. Si entri nel merito dei dossier, si analizzino costi in modo analitico e Coni si assuma la responsabilità delle proprie scelte". Il Coni ha inviato una lettera al presidente del Cio, Thomas Bach, per confermare la candidatura congiunta alle Olimpiadi: "È un progetto innovativo, in linea con le linee guida dell'Agenda 2020 e le sue nuove norme, che include non solo le città di Milano e Cortina ma anche le rispettive Regioni, Lombardia e Veneto, che sono entrambe pronte a supportare la candidatura e dare le garanzie". Per il numero uno del Coni, Giovanni Malagò "dovevamo obbligatoriamente e necessariamente mandare un segnale perché mercoledì si parte per la sessione Cio di Buenos Aires. Una dichiarazione concordata, peraltro anche negli ultimi giorni, con il governo. Non c'erano alternative, in considerazione della posizione di Torino di sfilarsi dalla candidatura a tre, che io avevo auspicato fino all'ultimo potesse andare avanti - ha detto a margine della presentazione e dell'amichevole Italia-All Blacks di Rugby - Torino non ha accettato il discorso di andare senza le garanzie del governo, mentre la regione Lombardia e Veneto lo hanno sostenuto. Di conseguenza non c'era alternativa", aggiunge. "Quante possibilità di vittoria? Io sulle candidature sono sempre stato molto positivo, all'estero godiamo di un credito importante quando organizziamo grandi manifestazioni sportive. Bisogna vedere chi troveremo contro, se avremo Stoccolma, la Turchia o Calgary. Ma sono particolarmente ottimista".

Poi rispondendo alle dichiarazioni di Chiara Appendino, Malagò ha aggiunto: "Ho letto le dichiarazioni della sindaca, che auspica che ci sia una votazione del Consiglio nazionale del Coni. Tutto mi si può dire tranne che non siamo stati pazienti, disponibili o sostenitori del fatto che Torino fosse della partita. Da parte del Coni, nulla di ostativo, anzi. Auspichiamo che questo avvenga. Abbiamo un Consiglio nazionale per il 26 ottobre e tra l'altro è la carta olimpica che impone, se ci sono due o più candidati, che si debba votare. Il problema è che Torino, da sola senza le garanzie del Governo non è voluta andare avanti. Ma se c'è questa volontà del voto massima disponibilità. Io mi asterrò al cento per cento. Per me sarebbe una buona cosa. Si può fare anche dopo la sessione Cio di Buenos Aires. Non c'è nessun problema. Ci sarà una candidatura italiana, non c'è nulla in contrario. Lì presenteremo l'unica candidatura sul tavolo, Milano e Cortina. Se poi ce ne fosse un'altra diremo al Cio che il Consiglio nazionale del Coni ha invertito la candidatura. Anche perché gli incontri con il Cio sono fissati nel mese di novembre".

Soddisfatto il governatore del Veneto Luca Zaia: "Siamo ovviamente felicissimi di questa scelta. Ringrazio il governo, il Coni e tutti gli interlocutori che in questi mesi hanno lavorato per questa candidatura che onoreremo lavorando a testa bassa perché rimanga nella storia come un'Olimpiade memorabile. Avanti tutta!", ha commentato su Facebook postando anche la lettera con cui il presidente del CONI Giovanni Malagò ha ufficializzato la candidatura delle due città.

Per il sindaco di Cortina, Gianpietro Ghedina "è una grande opportunità per i due territori del Veneto e della Lombardia: è un binomio vincente, Milano-Cortina e Cortina-Milano. Non sarà solo una buona candidatura, ma sarà vincente. Aspettiamo il 2026 per ospitare i giochi.. - ha commentato a LaPresse la candidatura ufficiale delle due città - Per il nostro territorio, per Cortina è un' occasione di sviluppo della montagna e di rilancio della nostra città, regina delle Dolomiti, che vede nei Giochi la possibilità di un rinnovo delle infrastrutture. È un evento internazionale che darà prestigio", ha concluso il sindaco.

"Milano-Cortina candidatura ufficiale per i Giochi 2026? Dovevamo obbligatoriamente e necessariamente mandare un segnale perché mercoledì si parte per la sessione Cio di Buenos Aires. Una dichiarazione concordata, peraltro anche negli ultimi giorni, con il Governo. Non c'erano alternative, in considerazione della posizione di Torino di sfilarsi dalla candidatura a tre, che io avevo auspicato fino all'ultimo potesse andare avanti". Così il presidente del Coni, Giovanni Malago, a margine della presentazione e dell'amichevole Italia-All Blacks di Rugby. "Torino non ha accettato il discorso di andare senza le garanzie del Governo, mentre Regione Lombardia e Veneto lo hanno sostenuto. Di conseguenza non c'era alternativa", aggiunge. "Quante possibilità di vittoria? Io sulle candidature sono sempre stato molto positivo, all'estero godiamo di un credito importante quando organizziamo grandi manifestazioni sportive. Bisogna vedere chi troveremo contro, se avremo Stoccolma, la Turchia o Calgary. Ma sono particolarmente ottimista", conclude.

C'è poco o nulla di sportivo nella candidatura di Milano-Cortina per le Olimpiadi invernali del 2026. Nel senso che si tratta di un compromesso politico di fronte al quale il Coni è stato praticamente spettatore, ancorché per un anno il presidente Giovanni Malagò abbia lavorato alla proposta unica della città meneghina - la sola in Italia con una dimensione e una visibilità davvero europee - peraltro assai gradita al Cio. Torino è fuori, ma lo si sapeva da tempo. Ed è fuori male: anche se Chiara Appendino, la sindaca, ha chiesto una votazione sui dossier e ha picchiato duro sulla sostenibilità dei costi, con il rischio di trovarsi dinanzi a una sconfitta urticante; anche se il presidente del Piemonte, Sergio Chiamparino, ha proposto la regione e non la città come terza gamba per i Giochi. L'idea nata (e a quanto pare morta) era quella di consegnare il nome e le strutture di Sestriere al Coni e, per estensione del concetto, al Governo. Una scorciatoia, di montagna... Troppo impervia per essere praticata.

L'annuncio lo ha dato Attilio Fontana, il governatore della Lombardia, e a ruota sono arrivati gli "evviva" di Luca Zaia, presidente del Veneto: entrambi battenti bandiera leghista. Dal vicepremier pentastellato, Luigi Di Maio, che nell'ultimo periodo non ha più spalleggiato Appendino nella battaglia torinese, è giunto l'avviso ai naviganti sul contributo economico dell'esecutivo: che dovrà essere pari a zero. I Giochi, ammesso che l'Italia se li aggiudichi superando la concorrenza di Svezia e Turchia, dovranno essere autofinanziati dagli enti locali: che però sono ricchi, al contrario del Piemonte che non naviga nell'oro. E il sottosegretario Giorgetti? Cosa ha detto l'uomo che ha stroncato l'ipotesi del 'tridente'? Niente, perché si era già espresso sulla candidatura a due. Riepilogando: Milano e Cortina avranno il sostegno dell'esecutivo se non chiederanno fondi allo Stato.

Quello che succederà nei prossimi giorni, fino al viaggio in Argentina di Malagò, saranno tecnicismi: la sfida olimpica è appena iniziata, e al Coni sono ottimisti malgrado non esista nulla di scontato. Milano&Cortina hanno un certo appeal, l'isolamento e la solitudine (politica) di Torino un dato di fatto.


 


Se ti piace il nostro sito e vuoi far parte della nostra grande comunità su Facebook
clicca sul pulsante sottostante 'Mi piace'


 


Notizie correlate
1 - FINAL SIX, MONDIALI VOLLEY: OGGI ITALIA-GIAPPONE, VALE SEMIFINALE

1 - VOLLEY, SUPERLEGA: PRIMA GIORNATA SENZA SORPRESE, RISCATTO DEI CAMPIONI DI PERUGIA

1 - VELA, SPIRIT OF PORTOPICCOLO VINCE LA 50ESIMA BARCOLANA: "SUCCESSO VOLUTO"

1 - KARATE, PREMIER LEAGUE: SEI MEDAGLIE PER L'ITALIA A TOKYO

1 - AI GIOCHI GIOVANILI ARRIVA DALLA VELA L’OTTAVO ORO AZZURRO

1 - OLIMPIADI JUNIORES DI BUENOS AIRES, GIORGIA VILLA LA REGINA DELLA GINNASTICA

1 - MALAGÒ ELETTO MEMBRO DEL CIO

1 - VOLLEY, MONDIALI FEMMINILI: ANCORA UN 3-0 PER L'ITALIA, AZERBAIGIAN KO

1 - PATTINAGGIO: FESTEGGIATI AZZURRI MONDIALI

1 - VOLLEY, MODENA VINCE LA SUPERCOPPA ITALIA: TRENTO CEDE AL TIE BREAK

1 - OLIMPIADI 2026: I VERTICI DEL CIO PROMUOVONO L'ASSE MILANO-CORTINA

1 - OLIMPIADI 2026, DAL CIO OK A MILANO-CORTINA, ERZURUM FUORI

1 - MONDIALI DI VOLLEY, SCONFITTA ANCHE LA CINA. ITALIA AVANTI A PUNTEGGIO PIENO

1 - ITALVOLLEY, MONDIALI: POKER DELLE AZZURRE, BATTUTA LA TURCHIA 3-0

1 - OLIMPIADI 2026, CORSA A QUATTRO

1 - VOLLEY, MONDIALI FEMMINILI: L'ITALIA CALA IL TRIS, CUBA TRAVOLTA

1 - PALLAVOLO DONNE, ITALIA-CUBA 3-0

1 - OLIMPIADI 2026: DI MAIO, OLIMPIADI?SE LE PAGHINO...

1 - UNIVERSIADI, PER APRILE PRONTI IMPIANTI

1 - VOLLEY, MONDIALI: LA POLONIA SI CONFERMA CAMPIONE, BRASILE SENZA SCAMPO


 
TELECAPRISPORT - VIA LI CAMPI 19 - 80073 CAPRI NA - PAGE DESIGN BY COMINVEST SRL - P. I. 04764940633 -
1